Specifiche qualità in specifici corpi, dalla ricerca all’atto performativo.

La proposta è quella di imparare un linguaggio fisico e dinamico al fine di saper interpretare con il proprio corpo, scoprendo le personali potenzialità individuali.

Il laboratorio si compone di 2 parti:
La prima di 2 ore consiste in un riscaldamento che mira all’apprendimento di un vero e proprio vocabolario fisico utilizzando tecniche di danza contemporanea come: release tecnique, contact improvvisation, floor work, fly work.
Affrontando nel durante i principali temi del sistema di analisi del movimento di Rudolf Laban come il ritmo, lo spazio, l’azione, la dinamica, la relazione con l’altro, per iniziare il processo di ricerca verso la propria specifica danza, imparando ad utilizzare il corpo come fonte e stimolo per le emozioni.

La seconda parte del laboratorio sempre di 2 ore è incentrato sulla sperimentazione dell’ improvvisazione.
Gli strumenti di analisi forniti nella prima parte verranno utilizzati come vocabolario comune necessario per il gruppo e per il singolo come base di espressione.

Il laboratorio di improvvisazione condurrà i partecipanti alla sperimentazione dell’espressione individuale attraverso il movimento. Ciascuno secondo le proprie possibilità ed esigenze sarà coinvolto in un lavoro di gruppo ed individuale che prevede di volta in volta spunti e riflessioni scoperti attraverso la propria esperienza avuta nella danza, stimolando la creatività e capacità espressiva, finalizzando il lavoro alla volontà di oltrepassare limiti mentali che bloccano l’armonia del movimento.